Curiosità nascoste a Budapest: le imperdibili
logo

Capodanno Budapest

Viaggi capodanno a Budapest dal 29/12 al 02/01



Buda

L’Ungheria è ricca di folclore e tradizioni tanto che persino la sua capitale nasconde molte curiosità e aneddoti che affascinano le menti dei visitatori e non solo. Senza dubbio è più interessante visitare la città conoscendo a priori queste singolari notizie per poter apprezzare in toto ciò che si sta osservando e in particolare nella capitale ungherese vi sono un paio di notizie effettivamente peculiari.

Due curiosità nascoste a Budapest, ad esempio, sono il ponte delle Catene e il castello di Buda, davvero particolari e, per questo, ricche di fascino.

I leoni senza lingua, tra leggenda e effetto ottico

Il ponte di BudapestIl ponte delle Catene, considerato uno dei più sbalorditivi e seducenti dell’ intera città, conserva una storia in bilico tra realtà e fantasia collegata con le due statue che lo precedono. Questa costruzione è infatti presidiata da due sculture di leoni simmetriche poste su due pilastri all’inizio del passaggio che lo rendono inconfondibile e unico.

Sfortunatamente questi due imponenti animali appaiono al passante senza la lingua, essendo infatti stati scolpiti con le fauci aperte, anche se pare che in realtà sia un effetto ottico causato dal punto di vista ribassato dello spettatore dovuto ai sostegni delle due statue che ne cela l’effettiva presenza.

La leggenda tuttavia narra che il giorno dell’ inaugurazione del ponte, quando la popolazione vide i due leoni, prese in giro e criticò l’operato dello scultore a tal punto che, in preda all’umiliazione più profonda, volle suicidarsi per la vergogna.

János Marschalkó, secondo un’altra leggenda, scolpì volutamente i leoni senza lingua come protesta per il mancato pagamento dell’opera. Ad ogni modo, questa curiosità ha certamente reso il ponte ancora più famoso e caro alla città stessa e al mondo intero.

Il Labirinto del castello: una delle 7 meraviglie del mondo sotterraneo

Sotto il quartiere che circonda castello di Buda esiste un luogo chiamato Labirintus, formato da una fitta e intricata rete di tunnel sotterranei che si sviluppa a ben 16 metri di profondità. La presenza di queste grotte ha origine antichissime, infatti in principio sono state abitate dagli uomini preistorici dei quali abbiamo ritrovato reperti e tracce, successivamente nel medioevo questi passaggi sono stati usati sia come cantine ma anche come rifugio in tempo di guerra. Da quel momento in poi il labirinto è stato dimenticato fino alla grande espansione della città che ha portato alla riscoperta di queste gallerie così misteriose e storiche.

Questa rete è percorribile per 1200 metri circa e rimane nascosta agli occhi del visitatore in superficie, che in realtà può scendere in profondità a ammirare questa meraviglia, sia naturale che artificiale, che è stata visitata da uomini e donne di tutte le epoche.

Il Labirinto del castello di Buda è stato incluso nelle 7 meraviglie del mondo sotterraneo del mondo intero ed è sicuramente uno dei posti più interessanti del pianeta, nonostante sia molto poco noto al viaggiatore comune. Durante il tour è possibile visitare tre parti: una dedicata principalmente alla parte naturale delle grotte, una zona dedicata al periodo del paleolitico, mentre l’ultima è arricchita da statue di cera strabilianti. Il percorso attuale è stato modificato dopo una ristrutturazione avvenuta nel 2011, ma certamente permette comunque di immergersi in un’atmosfera unica, illuminata dalla luce delle lanterne e accompagnati da una musica suggestiva.

LabirintoIl Labirinto merita di essere visitato soprattutto perché fornisce un’attrazione particolare e diversa da quelle tipicamente considerate, infatti racchiude un briciolo di mistero che la rende perfetta per chi ama le emozioni intense. Come era facile immaginare, sono molte le leggende che riguardano questi tunnel: per esempio si narra che nel XVIII secolo un fantasma chiamato “Il Conte Nero” infestava le gallerie terrorizzando la popolazione, oppure che si nascondono meravigliosi tesori turchi nei suoi angoli più oscuri.

Ovviamente le curiosità a Budapest sono molteplici, perché ogni luogo nasconde segreti, specialmente se ha migliaia di anni e si trova sottoterra, quindi è davvero indispensabile visitare questi silenziosi corridoi che racchiudono la storia di molte epoche diverse. Questo particolare tour saprà sorprendervi e vi permetterà di conoscere un lato un po’ diverso di Budapest, perciò non mancate di inserire questa tappa all’interno del vostro viaggio alla scoperta della capitale dell’Ungheria.

Tutto questo e molto altro ancora può essere visitato durante il capodanno a Budapest, che è semplicemente magico.

Sono Cecilia, una studentessa universitaria con la passione per viaggiare e la curiosità di conoscere luoghi nuovi, perchè non c'è modo migliore di spendere il tempo che dedicarlo a scoprire preziose e uniche mete. Ho avuto il piacere di visitare il Tokyo, Copenaghen, Londra, Dublino, Berlino, Praga, Parigi, Budapest e molte altre, perchè desidero fortemente riuscire a visitare il più possibile di questo straordinario e variegato mondo, anche perchè le persone non fanno i viaggi ma sono i viaggi che fanno le persone.

Leave a Reply

*

captcha *